Italiano  IT - Inglese  EN
Daniele Giordan
Ricercatore

CNR - IRPI sede di Torino
Strada delle Cacce, 73 - 10135 TORINO (TO)
Uffici Area di Ricerca
Phone: 0039.011.3977830
Mail: daniele.giordan@irpi.cnr.it




Studi
Laurea in Scienze Geologiche conseguita presso l'Università degli Studi di Torino, Facoltà di Scienze M.F.N., il 28 ottobre 2002, con il punteggio di 110/110, con Tesi di Laurea sperimentale dal titolo: “Sistemi informativi geografici e deformazioni gravitative profonde di versante: casi di studio in Valle d’Aosta”, Relatore Dott. Marco Giardino, Correlatore Prof. Giorgio Martinotti. Dottore di Ricerca in Scienze della Terra (febbraio 2006 - ciclo XVIII) presso il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Torino con Tesi di Dottorato dal titolo: “Strumenti e metodi per lo studio dei fenomeni franosi: dai sistemi informativi territoriali al monitoraggio in tempo reale”.
Abilitato alla Professione di Geologo nel gennaio 2007.

Settore di attività
Incaricato in quanto esperto di sistemi informativi territoriali quale responsabile del Progetto IFFI per la Valle d’Aosta nel gruppo di lavoro del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Torino, intraprende nel 2001 un percorso di formazione e ricerca dedicato allo studio dei fenomeni franosi. Terminata una borsa di studio per il completamento della formazione presso Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Torino nel 2003, collabora a partire dal 2004 con il Geohazard Monitoring Group del CNR IRPI di Torino coordinato dall’Ing. Lollino presso il quale termina il Dottorato di Ricerca. In tale gruppo approfondisce lo studio dei fenomeni franosi attraverso un approccio fortemente multidisciplinare in qualità di assegnista di ricerca nel periodo 2004 – 2009; in tale periodo, si dedica in particolar modo allo sviluppo procedure d’impiego di sistemi di monitoraggio commerciali e allo sviluppo di nuove strumentazioni per il controllo dei fenomeni di dissesto geo-idrologico, rivolgendo la propria attenzione non solamente alla dinamica dei versanti ma anche ai corsi d’acqua.
Essendo Centro di Competenza per le frane del Dipartimento della Protezione Civile nazionale, l’attività di ricerca condotta al CNR IRPI è necessariamente un’attività fortemente applicativa, in quanto spesso le operazioni svolte vengono dettate da necessità contingenti eseguite in situazioni di emergenza. In tale ambito, partecipa alle attività di ricerca e di supporto tecnico scientifico dal 2009 in qualità di ricercatore a tempo determinato e dal 2011 a tempo indeterminato. Tra le attività svolte in fase emergenziale vi è la partecipazione al gruppo di intervento CNR per l’emergenza del terremoto in Abruzzo del 2009 o in quello relativo alla Frana di Montaguto (AV) del 2010. L’esperienza condotta in questi anni al CNR IRPI ha evidenziato come il campo del monitoraggio dei fenomeni franosi sia un ambito spesso delegato a realtà professionali che utilizzano prodotti standard che non portano a miglioramenti significativi; da qui la volontà di fare dei sistemi di monitoraggio un tema di ricerca che persegua i seguenti obiettivi:
  • Mettere a punto una metodologia standard che sia in grado di definire le strategie di monitoraggio più efficaci mettendo in relazione la tipologia del fenomeno di dissesto e le finalità del sistema di monitoraggio;

  • Sviluppare nuove strumentazioni e metodi per il monitoraggio del dissesto geo-idrologico;

  • Sviluppare un sistema che, partendo dai dati geologici e di monitoraggio, sia in grado di definire il comportamento del fenomeno ed il condizionamento da fattori esterni, al fine di ipotizzare scenari evolutivi e definire i livelli di pericolosità.


Principali pubblicazioni di riferimento
  • Franzi L., Giordan D., Arattano M., Allasia P., Arari M. 2011. Preface Results of the open session on “Documentation and monitoring of landslides and debris flows” for mathematical modelling and design of mitigation measures, held at the EGU General Assembly 2009. Nat. Hazards Earth Syst. Sci., 11, 1583–1588.
  • Arattano M., Conte R., Franzi L., Giordan D., Lazzari A., Luino F. 2010. Risk management on an alluvial fan: a case study of the 2008 debris-flow event at Villar Pellice (Piedmont, N-W Italy), Nat. Hazards Earth Syst. Sci., 10, 999-1008.
  • Baldo M., Bicocchi C., Chiocchini U., Giordan D., Lollino G., 2009. LIDAR monitoring of mass wasting processes: The Radicofani landslide, Province of Siena, Central Italy. Gemorphology, 105, 193-201.
  • Lollino G., Arattano M., Allasia P., Giordan D. 2006. Time response of a landslide to meteorological events. NHESS - Nat. Hazards Earth Syst. Sci, 6, 179–184.
  • Giardino M., Giordan D., Ambrogio S. 2004. G.I.S. technologies for data collection, management and visualization of large slope instabilities: two applications in the Western Italian Alps, Nat. Hazards Earth Syst. Sci, 4, 197–211.


Attività editoriali
  • CO-EDITOR dello Special Issue: “Documentation and monitoring of landslides and debris flows for mathematical modelling and design of mitigation measures” Editor(s): L. Franzi, M. Arattano, M. Arai, P. Allasia, and D. Giordan. Natural hazard and Earth System Sciences, 2010.


Capitoli di libri
  • Martinotti G., Giordan D., Giardino M., Ratto S. 2011. Controlling factors for deep-seated gravitational slope deformation in the Aosta Valley (NW-Alps, Italy). In: Jaboyedoff, M. (ed.) Slope Tectonics. Geological Society, London, Special Publications, 351, 113–131.
  • Lollino G., Giordan D., Allasia P., Baldo M. 2010. Landslide monitoring systems based on new instrumentation for the detection of topographic and deep displacement. Geologically Active – Williams et al. (eds), Taylor & Francis Group, London, pp. 2123 – 2131; ISBN 978-0-415-60034-7.
  • Giardino M., Giordan D., Baggio P., Mortara G. 2006. Scientific researches, geological education and touristic enhancement: the Geosites’ Map of the Sangonetto Valley (NW Alps, Turin Province, Italy). In Mapping Geology in Italy (Pasquarè G., Venturini C., Groppelli G. Editors). SELCA Firenze, 325-336.
  • Allasia P., Audisio C., Baldo M., Cirio C.G., Lollino G., Giordan D., Godone F., Nigrelli G., Alpe F., Ambrogio S., Giardino M., Perotti L., Sambuelli L., De Renzo G., Fontan D., Barbero T., 2004. P41 - Instrumented experimental sites for the control of landslide hazards in mountain environments: the Germanasca and Susa Valleys (NorthWestern Italy), In: Guerrieri, L., Rischia, I. & Serva, L. (Series Eds). Field Trip Guide Books, 32nd International Geological Conference, Florence 20-28 Agosto 2004, Memorie Descrittive della Carta Geologica d'Italia, Vol. LXIII (5), P - 41, APAT, Roma, 40 p.


Altre pubblicazioni
  • Ratto S., Giardino M., Giordan D., Alberto W., Armand M. 2007. Carta dei fenomeni franosi della Valle d’Aosta. Scala 1:100.000, Tipografia valdostana, Aosta.
  • Aigotti D., Baggio P., Bois M., Cadoppi P., Costamagna A., Deline P., De Renzo G., Ghelli A., Giardino M.,Giordan D., Mortara G., Nervo B., Pellegrino P., Perotti L., Riccio I. Rossato C., Rossi C. 2004. I geositi nel paesaggio della Provincia di Torino, Provincia di Torino, 3 volumi, ed. Geda grafica&stampa S.n.c, Torino, 5 tav fuori testo.